Brevissimo aggiornamento delle ore 00.30

Ho appena ascoltato e registrato i PINK FLOYD che, dopo 23 anni, si sono riuniti , in occasione del Concerto Live 8……Che emozione!!! E che invidia per mia figlia Alice che è ancora a Londra…..

E mio marito che manco riconosceva i pezzi che cantavano…..Ma che ascoltava lui,  ai tempi!??? ( Purtroppo l’ ho sempre saputo che avevamo gusti muicali estremamente differenti…..ma, mentre io ero lì imbesuita ed emozionata, lui stava ripulendo imperterrito un faldone da carte inutili…..: SCANDALO!!!!! >:-((((

Eccomi con il quiz culinario.

Allora, mi ha coinvolta gentilmente Falsomagro, anche se ubi maior minor cessat, e nel mio caso mai Minor fu più Minor!!!! ( E non sono modesta, credetemi!)

Ho visto che Ric ha dato risposta nel suo blog e ho sbirciato Maf e ho subito cambiato pagina, perché non voglio essere influenzata! Dato che so di essere molto scarna sull’ argomento, rischierei di scopiazzare anche senza volerlo. perciò, prima rispondo io e poi andrò a leggere.

Il tuo primo ricordo di te stesso cucinando?

Oddio, già rido per ‘sta frase: …di me stessa, cucinando? Cioè, cucinante, immagino. ;-))

Oh, mamma, a casa mia cucinava e male e malvolentieri solo la mia mamma, che ha sempre ammesso di non essere un granché in cucina.

Ai tempi in cui ancora si cimentava in qualcosa, ricordo solo i tortellini fatti in casa la vigilia, con i quali tirava anche l’ una di notte, e poi la torta di riso. Una volta un mio zio di Milano, invitato a pranzo, disse che il  coniglio con le olive era il più buono che avesse mai mangiato. Mia mamma rimase sbigottita e allora sì, forse il coniglio con le olive era proprio il suo piatto forte. L’ unico.

Mia mamma amava il piatto fisso. Io ricordo che a casa mia si iniziava a volte il lunedì col riso in bianco e il prosciutto cotto con le zucchine bollite e si andava avanti col riso bianco e  il prosciutto cotto e il resto per tutta la settimana. Poi c’ era l’ epopea della milanese coi pomodori…. Vabbeh, ma divago. Torno al quiz.

Il primo ricordo risale ad una vacanza a Grénoble, ospite, per un mese,  a casa di un amico, Michel. Lui partiva al mattino, con la sua ragazza, Annie e insieme dovevano lavorare in una colonia scolastica. Io rimanevo da sola in quell’ appartamentino in un condominio di maghrebini dediti ad attività strane ( in Francia spopolavano già negli anni ’70 ), impedita nei movimenti dal padrone di casa che si era raccomandato " Ne sors pas, n’ ouvres pas la porte; Lilas, si tu veux,  cuisines,  puisque tu es italienne et tu le feras bien!"

Nel pomeriggio, poi, tornavano con un’ infinita serie di amici alternativi, che tanto, oh-là-là…à la maison il y a l’ italienne qui cuisine!! Buon ultimo arrivava il mio ragazzo di allora,  Pierre, che abitava,  vedi un po’…in Rue des Lilas !!! :-DDDDD

Ovviamente cucinai ………..;-))))))

2-Chi ha influenzato di più il tuo stile culinario?

Allora, escludendo mia madre…..come dicevo  prima, posso aggiungere che qualche suggerimento mi è arrivato, sempre nei fantastici anni ’70, frequentando un gruppo con cui facevamo vacanze in campeggio libero, spesso in Sardegna e organizzavamo, senza eccessiva convinzione…… di costituire in futuro una Comune e di aprire una specie di Ristorante, dato che un paio di elementi del gruppo erano davvero bravi in cucina. io guardavo e assimilavo blandamente…..Poi diverse fratture sentimentali ( compresa la mia) mandarono a monte i piani  e io mi dimenticai le ricette ;-DD

Da mia suocere ( palermitana) ho mutuato la caponata . Mi sono invece sempre rifiutata di imparare i cannoli, perchè tutto quell’ ambaradan di strutto, friggitorie e supporti di canna di fiume ( mia suocera usava religiosamente quelli, che teneva come reliquie sacre nel cassetto) mi sconvolgeva…. Mentre lei trafficava,  io in verità assaggiavo la ricotta di pecora incremata con zucchero e pezzettini di cioccolato.;-))  Poi ci voleva il candito siciliano, quello di cedro vero, ( da recuperare in certe pasticcerie vicino al confine con la Svizzera…mafigurati! ), mica l’ orrendità del Panetùn….no, no, troppo lavoro…

3- Possiedi del materiale fotografico che possa provare un interesse precoce per il mondo culinario? Te la senti di farcelo vedere?


Oddio, direi di no…Ho milioni di foto ( amo tantissimo le foto), ma non credo di averne alcuna in cui mi si veda cucinare ;-))) Ora do un’ occhiaata…

Vabbeh, in mezzo a 100 in cui appaio  con le gambe…. sotto una tavola…c’è questa ( precoce). Mi trovo nel ’76 a Santa Caterina di Pittinuri  ( Sardegna dell’ Ovest) e sono  addetta alla grigliata. A giudicare dalle ossa che si intuiscono, devo essere in pieno periodo di pasti saltati, per cui mi lasciano tranquillamente in zona salamelle e carne di pecora abbrustolita! ;-))

4- Hai qualche fobia culinaria? Un qualche piatto che solo a pensarci ti viene il sudore?
No, sono decisamente onnivora, ma il pesce con lisca mi crea un disagio incredibile. Lo mangio, ma alla fine , quando me ne sono liberata, mi vien voglia di dire " E adesso, che si mangia?"
Ah ecco, mi è venuta in mente una cosa che mi ha fatto senso, una volta , da ragazza." Il "codino" bollito.
Mi ha fatto senso la forma, non il sapore. Ho cercato di mangiarlo, pensando ad altro. Poi mi sono alzata, sono andata in bagno a vomitarlo e poi sono tornata a tavola, tranquilla a mangiare altro. E’ stato tutto un gioco psicologico legato alla vista. Nessuno si è accorto di nulla. Incredibile.

5- Il gadget in cucina che funziona meglio / quello che ti ha deluso di più?
Che si intende per gadget? L’ arnese? L’ elettrodomestico? beh, ho utilizzato il microonde, ma ora che si è rotto, non ne sento la mancanza. Se avessi più spazio, lo riprenderei…Per il resto uso  ( poco) frullatori, montauova ecc ecc le solite amenità, insomma..
Mi piace la griglia elettrica con l’ acqua, che non fa fumo. Ho in cucina anche un camino ( che però non usiamo…)
6- Un abbinamento cibario strano che mi piace e che probabilmente non piace a nessun altro…

Oddio, non ho particolari problemi ad abbinare di tutto…Una volta ( ero a dieta stretta ) e avevo una voglia matta di dolce… Mi aggiravo in cucina con l’ occhio lupigno e non volevo sgarrare. alla fine mi sono inzuppata un finocchio lessato in una bustina di …dolcificante!! ;-DDD  Mio marito sarebbe morto, ma lui è magro di costituzione e non fa testo in questo campo!

7- Quali sono le tre cose commestibili senza le quali non potresti vivere?

Frutta, pane, formaggio ( ma solo tre??????????)

8- Tre domandine al volo:
Il tuo gelato preferito:
  nocciola, stracciatella e pistacchio
 
Non mangerai mai:  sai che non mi viene in mente nulla che non mangerei mai? Forse il rognone….Beh, giusto, il "codino"!!!
il tuo piatto/firma: Non è mio, ma faccio un arrosto con la cremina di carote all’aceto, molto buono, che mi ha insegnato una zia. Non l’ ho mai visto fare a nessun altro.
 
Passo la mano a chi vuole!!!
 
Caspita che laurà….. ho impiegato più di un’ ora ;-)))
Ora vado a leggere Falsomagro, Ves e Mafalda!
 
MUSICA: data la solennita dell’ argomento , ecco La spada di King Arthur, sempre cavallo di battaglia delle figlie!
Annunci