Tag

Organizzazione.

Ieri mattina entro in quarta: aula grande come una piazza d’ armi e 30 grezzetti sparsi qua e là; anzi 29, visto che uno si è ritirato dopo le vacanze di Natale.

Ovviamente uno bravino e molto tranquillo, come da copione, il cui padre era venuto a parlare di recente, per dirmi che il figlio proprio con l’ Informatica non si ritrovava e che lui e la moglie, laureati rispettivamente in Economia e Giurisprudenza erano rimasti secchi all’ idea che volesse  probabilmente fermarsi al diploma, ma che alla fine, quello che contava era che lui seguisse i propri interessi.

Il discorso non faceva una grinza e  tutto lasciava supporre che il ragazzo, tutt’ al più, avesse manifestato l’ intenzione di non proseguire all’ Università.

Invece si è iscritto ad una scuola privata per Geometri ( ?? )a Erba.

A gennaio? Beh, sì…a quanto pare è possibile farlo.

A Erba?  Certo, lui abita in un paese sui monti, lì vicino ed Erba non è solo il domicilio dei due Mostri fuori di testa, ma è anche una grossa cittadina, che fa da polo per tutta una serie di centri più o meno sparsi, più o meno montani; una cittadina estremamente antica, visto che il primo insediamento, vicino al famoso Buco del Piombo, è addirittura preromano ed è stato abitato dai soliti Orobi, Liguri e Celti che da queste parti non mancano mai.

Il nome romano fu poi Herba, of course.

Lì passa la strada che poi arriva al Ghisallo e si ricongiunge con la punta di Bellagio, attraverso tornantini e viste mozzafiato

La zona, poi, non è stata disdegnata nemmeno da noti intellettuali, visto che a Villa Amalia hanno soggiornato sia Monti che Foscolo, Sthendal e Parini.

In effetti, l’ entourage è molto verde e si stende in una conca niente male, che nel Settecento doveva essere davvero incantevole, per chi arrivasse da Milano, ad esempio.

Ma non divaghiamo.

Entro in classe  e mi appresto a interrogare gli ultimi tre, di cui uno non ha voto e due hanno voto negativo.

Mi si avvicina Matteo.

" Proaf, i tre interrogati chiedono se è possibile spostarli a mercoledì , visto che oggi e bla e bla e bla"

" Non capisco perché sia tu qui a parlare…"

"Ma io sono il rappresentante di classe!" risponde con fierezza…

"Ok. Fin qui ci siamo, per cui, se qualcuno deve andare a conferire con il Preside o il Vice, che sono fuori da questa aula, è giusto che vada tu.

Ma ti par logico che, presenti gli interessati a nemmeno 3 metri di distanza, sia tu a venire a intercedere per loro????????? Anzi, che si sbrighino ad uscire, che qua di tempo se n’è già perso abbastanza!"

Si siedono davanti alla cattedra.

Uno è senza voto del tutto ed evidentemente anche senza preparazione.

Fa scena muta su Goldoni e poi ha un leggero sprazzo sull’ Illuminismo ( probabilmente perchè ha orecchiato qualcosa anche in Storia). Si becca un 4.

Uno ha un 2 da rimediare.

E’ un mio ripetente dello scorso anno e si mostra " ferrato" sulla Locandiera ( che lui si ostina a chiamare Mirandolina, ma vabbeh…).

Continua a ripetermi che lui Goldoni se lo ricorda dallo scorso anno, come se fosse un merito……..;-)

Ha un buco nero su tutto il resto, ma gli do 5.

L’ ultimo ha un 5 nella precedente interrogazione.

Saputo che lo avrei interrogato…( ah, dimenticavo di sottolineare che queste  interrogazioni erano state preannunciate mercoledì scorso!), aveva commentato " Ma proaf, perchè mi interroga? A me va bene anche tenermi il 5 in orale, al primo quadrimestre….."

" A me no, invece!" avevo ribadito con aria mastina.

Ovviamente aveva una tabula rasa su tutto, anche sulle domande più banali e generiche e si è beccato un 2.

Arrivano col libretto dei voti.

Lui non ce l’ ha e mi porta il diario. Mancano le pagine dal 12 gennaio al 21….

Al mio sguardo stupito, risponde " Ah boh, proaf…le ho strappate per scriverci su qualcosa…..!"

" Hai strappato le pagine "a venire"…? Ma non era più logico strappare quelle di dicembre????"

Fa spallucce e se ne va al posto.

Qua domani telefono a casa sua.

Annunci