Tag

, , , , ,

September ..in the sun!

https://i0.wp.com/farm3.static.flickr.com/2645/3935916543_b411ab8677.jpg

Prafrasando la celebre canzone, devo dire che questo settembre, che sta scivolando sui binari della fine, è stato proprio spettacolare, dal punto di vista metereologico…
Fatti salvi tre o quattro giorni di pioggerella, che hanno coinciso con l’ inizio delle scuole ( eh eh) e la fine della mia vacanza-a-lago, per il resto il sole splende e il caldo continua imperterrito a farla da padrone!
Allora, la vacanza-a-lago è andata benissimo: una settimana piacevolissima, con la sensazione ( devo dire splendida) di essere in un altro mondo, ma….a 1 ora e mezzo di statale da casa.

Siamo stati a Domaso, proprio in cima al lago:

https://i0.wp.com/www.comoguide.com/image-files/lake-como-map-domaso.jpg

Il Residence http://www.campingardenia.it/ ( e facciamogli un po’ di pubblicità gratuita!) è stato corrispondente alle aspettative e il famigerato fronte-lago si è rivelato davvero LAGO e, soprattutto FRONTE !!!

https://i2.wp.com/farm3.static.flickr.com/2463/3935907803_fd8556cf2a.jpg

Diciamo che, in pratica, avevi il lago sotto il terrazzo. E siccome lì da mezzogiorno in avanti spira sempre la famigerata Breva, che sarebbe un venticello che va da sud verso la Val Chiavenna e la Valtellina ( le due vallate che ti ritrovi di fronte ), possiamo dire che spesso, dal letto, sentivi quello sciabordìo tipico delle onde del mare ed era davvero surreale, per chi ha la percezione di essere ad un tiro di schioppo da casa e di avere, purtroppo, il mare a debita distanza…
In compenso la sensazione fissa per tutta la vacanza è stata quella di essere all’ estero. Più precisamente su qualche lago tedesco o persino scandinavo.
Innanzitutto l’ aspetto morfologico di queste zone: il promontorio selvoso di Piona, là di fronte, pareva l’ inizio di un fiordo. E poi bastava affacciarsi: teste bionde o platino ovunque, dal neonato al rude anziano.

https://i1.wp.com/farm3.static.flickr.com/2624/3935942977_5683afec74.jpg


Io continuavo a fotografarli senza ritegno, ma ero davvero meravigliata. E poi il tedesco che la faceva da padrone. Una settimana di full immersion. A me, notoriamente chiacchierona, sinceramente non disturbava. Il marito, invece, ha avuto qualche moto di insofferenza.

"Certo-commentava-ottime vacanze per chi non desidera comunicare!"

Ora, siccome la chiacchierona della casa sono senz’ altro io, mi sono stupita di questa sua affermazione. Bisogna, però, sottolineare una cosa: io ciancio e ciancio molto, ma lo faccio, in genere, con chi conosco. Con gli estranei me ne sto abbastanza "quatta". Il marito, invece, è piuttosto silenzioso, salvo iniziare conversazioni kilometriche con il garagista di turno, il benzinaro, l’ omino del negozietto….In mezzo a tutta quella genìa ariana, forse si sentiva un po’ isolato, chissà.

Io stavo da Dio. ;-P
Anche perché, diciamolo, i bimbi non rompevano le scatole, gli orari venivano rispettati e la spiaggia veniva lasciata pulitissima come al mattino presto, all’ alba, quando io mi affacciavo a guardare il sorgere del sole.
Già, non avendo perso le mie abitudini alla sveglia, mi sono cuccata due o tre albe da favola! 😉

https://i0.wp.com/farm4.static.flickr.com/3530/3936739534_5b647d23a8.jpg
Avendo trovato un terrazzo profondo due metri, io non me ne sarei mai andata: da lì ti godevi l’ immissione dell’ Adda nel Lago, con le acque più bianche che entravano nell’ azzurro, poi, al mattino, il footing degli sportivi nella passeggiata a lago einfine, verso mezzogiorno, quando il lago iniziava a incresparsi, vedevi uscire da tutti i camping, come formiche impazzite, windsurf portati a spalla e, dopo un secondo, il lago pullulava di tutte queste farfalle…
https://i2.wp.com/farm3.static.flickr.com/2618/3935929163_5f52e02384.jpg
Unico neo: l’ acqua del lago. Allora, era pulitissima, al limite del cristallino, ma io sono entrata solo una volta e, non appena mi sono ritrovata immersa, ho sentito l’ odore del lago…cui nemmeno 10 anni trascorsi, da dolescente, a Lecco mi hanno mai abituata e, sinceramente, non me la sono sentita nemmeno di provare a nuotare.
E pensare che io, a 13 anni, ho iniziato a stare a galla proprio nel lago, anzi, per essere precisi, addirittura nell’ Adda, esattamente all’ uscita dal lago, dove abitavo, appunto,  in quegli anni…
Ma non sono mai riuscita a superare l’ impatto con un’ acqua che non sappia di iodio o ( lo so di dire un’ eresia) al limite, di cloro!

Per due giorni abbiamo ospitato la Micol e il moroso e, in successione, per una notte, Alice e il novio in procinto di andare a fare un’ escursione in un paesino della Val Chiavenna, perso in cima ai bricchi, a due ore di gradoni petrosi. Pare che il bisnonno del ragazzo fosse proprio partito da lì, nel lontano 1880, per raggiungere Mar del Plata, sotto Buenos Aires e iniziare una  vida nueva in Argentina.
Ho trovato molto suggestivo che il pronipote, capitato in Italia per un Master e fermatosi per motivi personali ( vedi mia figlia eh eh), sentisse il desiderio di ritrovare le sue origini paterne.

Morale: un’ ottima vacanza, da ripetere. Tra l’ altro ( annotazione greve, dopo tanta poesia…), mi sono pure persa la Festa dei crotti in val Chiavenna, perché un minimo di decenza mi ha tenuta lontana da pizzoccheri, sciatt, salumi, bitto e casera del diablo….

Nonostante questo con la dieta sono un po’ in stasi…( oscillo tra i -5 e i -6 rispetto a luglio)ma adesso, o ottobre si riprende con lena! Che stress… ;-)))

Hasta pronto, lago…. ;-D

https://i0.wp.com/farm3.static.flickr.com/2554/3935894179_ca0280f1ba_m.jpg

Annunci