Tag

, , ,

Il mio compleanno è passato da quasi tre settimane, ma siccome ormai mi sono abituata ad avere i tempi dilatati e i ritardi, qui nel blog, lo annuncio urbi et orbi…;-) Che poi qui, in questa landa pseudosconosciuta devo ancora capire come  funziona l’ambaradàn….

Ma, tornando al compleanno, quest’anno l’abbiamo festeggiato in tre. Ormai mi sono abituata: da quando le figlie hanno preso la via dell’estero, in casa mia c’è un turn-over incredibile, per cui in genere ci si ritrova in tre: i due genitori e, a turno, una delle figlie. Poi, ovviamente c’è stata anche la variabile dei morosi, per cui talvolta eravamo in 5, e, al completo in 6…..!! 😀

Fortunatamente  le vecchie “comuni” tanto di moda quando io ero giovane,  si sono dimostrate effimere e impraticabili, almeno mi sono evitata di avere festeggiamenti con codazzi di morosi..;-DDDDD

Insomma, quest’anno eravamo in 3 perché l’attuale moroso della figlia maggiore ( che se li sceglie sempre molto vicini….) questa volta dista più o meno 450 km ( un tiro di schioppo, paragonato al precedente argentino ;-D), in ogni caso non certo dietro l’angolo.

La seconda, Micol, invece, ha messo temporaneamente radici a Edinburgo dove sicuramente si fermerà fino al termine di agosto, dato che lassù pare che in estate si moltiplichino Festivals artistici di tutti i tipi, praticamente pane per i suoi denti!

Continua a vivere in un allegro, colorato  e simpaticissimo ostello dove sostiene di imparare bene l’inglese…

Qualche dubbio mi viene, dato che mi risulta che lì sovrabbondino spagnoli, francesi, ceki, ucraine, polacche ecc ecc, ma tant’è, al momento sta facendo questa esperienza, che sarà senz’altro positiva. Da parte mia avrei sempre voluto fare esperienze all’estero e quindi non posso che incoraggiarla! 😉

Ma a breve mi renderò conto di che cosa sta combinando, visto che questa domenica vado  a trovarla con l’altra figlia. Il marito resta a casa a “controllare” gli ultimi lavori di piastrellatura della cucina, in attesa dell’arrivo dei mobili!

Sono molto curiosa di vedere Edinburgo, visto che la figlia ne è rimasta incantata…OVVIO che il meteo, da me sbirciato, mostra pioggia per tutto il tempo della nostra permanenza, ma, confidando nel fatto che, a quanto pare, è una città VENTOSA, spero di vedere anche un occhio di sole ( giusto per fare qualche foto decente)!

Come mio solito, vorrò provare anche i cibi locali. Mi trattiene un pochino aver letto che la pietanza-cardine del popolo scozzese è l’ haggis, che sarebbe un insieme di cuore, fegato e polmone di ovino, cotto dentro lo stomaco di una pecora…..

Sono perplessa: al limite lo ordino, lo fotografo e poi declino……;-P

Annunci