Tag

, ,

Io proprio non riesco ad abituarmi all’uso di facebook!  in realtà lo utilizzo come se fosse il flikr: inserisco le foto delle vacanze, se vado in vacanza, o, molto più frequentemente, le foto di qualche piatto cucinato da me o delle portate di un ristorante….
La Viviana afferma infatti che all’estero gli italiani si riconoscono non perché (come sostengono molti, tra cui mia figlia che ha vissuto a Londra) indossano occhiali da sole firmati, ma perché entrano al Ristorante e mettono sul tavolo la digitale e, all’arrivo della prima portata, invece di piazzarsi il tovagliolo e inforcare, bloccano il tavolo e FOTOGRAFANO i piatti!!! ;-))

Insomma io, su fb sono proprio passiva. Non aggiorno mai il mio stato e, a parte le foto, al limite faccio qualche magra considerazione sul tempo…(sic!).

In compenso leggo tutto e sbircio a destra e a manca! La miriade di ex-alunni che mi ha chiesto l’amicizia fa sì che io sia perennemente informata, in tempo ovviamente reale, sull’andamento dei loro esami universitari, sugli umori durante il loro studio, sulle loro disgrazie quotidiane ” Caxxo, c’era il sole e proprio oggi che sono in moto, il DILUVIOOOOOOOOO! NAAAAAAAAA!!”

E cose così!
In estate, poi, è un delirio, perché si seguono, attraverso le loro foto, viaggi interminabili in Portogallo, Spagna, a Stoccolma, in Tailandia, su tutte le spiagge italiane, con prevalenza (devo dire) del Salento. Insomma, gli ex-grezzetti viaggiano! 🙂

Ieri, per caso, mi arriva un invito ad un gruppo “I naufraghi di splinder“.  Chiaramente mi iscrivo e, tempo poche ore, il gruppo supera le 500 persone…

Ovviamente è stata una ridda di agnizioni e di richieste. Comparivano nomi e cognomi e gente che si rivelava. Del tipo (invento i nomi):
Carlo Aguccioli: già io ero mostofeliceinsettembre. Ma dov’è finita biscottonellatte???

Devo essere sincera, tra tutte quelle persone, io ne “conoscevo” solo 3, che leggevo abitualmente, più un altro paio che sbirciavo ogni tot, perché avevano un blog pazzo ma esilarante!

E tutti a rimpiangere splinder e le possibilità che dava quella piattaforma e tutti a  dire “Ci si lamentava sempre e adesso siamo qua a rimpiangere!”.

Beh, è la legge della vita, no? Si apprezzano le cose, quando non le si ha più. Però è stato interessante capire come le persone hanno ancora bisogno di scambiarsi esperienze e vivere un po’ le vite degli altri. E con questo pensiero profondissimo, mi ritiro in cucina! 🙂

 

 

Annunci