Tag

,

image

Ma qui in Ibiza, se chiami un muratore o un idraulico, ti devi armare di pazienza infinita…In inverno, poi, sono oro, perché tutti approfittano della mancanza di turismo per rifare negozi, ristrutturare camere di alberghi e costruzioni varie.

In giro, infatti, sorgono gru, betoniere e volano calcinacci e polveroni.
Il muratore, dopo svariati rimandi, è arrivato prima di Natale a dare un’occhiata e preparare un preventivo.

Sì perché l’idea dei ragazzi sarebbe quella di eliminare la cameretta piccola, buttando giù la parete divisoria, per creare, all’ingresso, un saloncino con due tavolinetti e poltroncine, allargare il bagnetto piccolo e trasformarlo in due bagnetti con doccia.
Tutto in funzione di un futuro piccolo B&B.

* Il muratore è arrivato, forse perché era l’amico di un amico e qui, se non vai per conoscenze, puoi aspettare le calende greche.
Non siamo nei Paesi Scandinavi, per cui vige la nostra vecchia regola mediterranea…

Che poi, chissà se lassù è tutto oro quello che luccica.
Ma davvero il muratore, se inviato dall’amico del sig. Sodelberg, non arriverebbe con maggior sollecitudine?

Comunque, scandinavi a parte, il muratore ha detto che le modifiche sono fattibili. Si è mostrato un po’ dubbioso sulle dimensioni dei due bagnetti – ospiti. Suggeriva di stringere il futuro saloncino colazione, inglobando la finestrella nel secondo bagnetto.

Ma così il saloncino rimarrebbe cieco.
Ni hablar !” Ha sentenziato il novio. Che sarebbe l’equivalente di “Manco per sogno!”
Aquí necessitamos dos baños del barco !”       
Aggiungendo che si potevano organizzare due bagnetti, tipo quelli degli yacht, che hanno tutto, doccia compresa e sono minuscoli.

Beh, in fondo una cosa simile io l’avevo trovata in un motel francese e nel famoso Wardonia di Londra, dove ero stata con Alice.
In estate l’importante è la doccia ed è preferibile avere un bagno privato per camera, piccolo, ma nuovo e pulito, rispetto a certi vecchiumi, con tubi contorti e rugginosi, piastrelle sbrecciate e muffa ovunque, tipo l’hotel di Parigi, vicino all’Opera, dove ero stata coi ragazzi in gita, munito di bagni grandi con buchi talmente grandi che avevano fatto passare anche dei topi…brrrrr!!!

Dopo Natale è arrivato il preventivo e per i primi di febbraio avrebbero dovuto iniziare i lavori.

Ovviamente è arrivato anche il primo imprevisto!!
Occorrono due autorizzazioni del Comune che impiegheranno circa 20 giorni per arrivare.
Inizio lavori spostato, ad andar bene, a metà Febbraio.
Fine prevista: metà Marzo.
Per quest’anno il loro obiettivo è quello di affittare le due camere con bagno da giugno a ottobre, a settimane.
Il tempo non manca, ma si sa che bisogna essere pronti a pubblicizzarsi in tempo !

Affittando a settimane a turisti normali, è chiaro che riusciranno a guadagnare più degli scorsi anni, quando affittavano a giovani lavoratori una stanza per tutta la stagione, a prezzi talvolta risibili, con risultati a volte molto magri: gente che spariva, gente che se ne andava prima del tempo…Insomma, un desastre!

Stavolta il tutto ha l’aspetto di una attività nel vero senso della parola e loro, poiché hanno investito soldi nella ristrutturazione, dovranno iniziare ad ammortizzarli!!

Il bimbo, in mezzo a tutto questo casino, si intrufola beatamente tra scatoloni, pigne di libri e ceste di arnesi.

Ovviamente ignora del tutto i suoi giochini, tarati 6-12 mesi!
Ma vogliamo mettere il fascino di uno scatolone zeppo di roba? 😉

 

 

Annunci